Creative Commons


Licenza Creative Commons - I testi originali scritti dall'autore di questo blog sono distribuiti con licenza Creative Commons per: Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia.

sabato 21 maggio 2011

I colori del buio.

Nonostante io sia già arrivato ben oltre il "mezzo del cammin di nostra vita" ci sono delle cose che immancabilmente risvegliano l'eterno bambino ch'è in me - e in tutti noi, se lo si vuole ammettere.

Qualche decennio fa, quando ero ragazzino, abitavo in campagna, lontano da zone urbanizzate. Il cielo e l'astronomia mi hanno sempre affascinato e, abitando in una zona priva d'inquinamento luminoso, di notte potevo osservare il firmamento nelle condizioni più favorevoli.
Sopportavo stoicamente gli assalti di sciami di zanzare fameliche pur di stare sdraiato sul prato a guardar le stelle, a cercare con lo sguardo quei puntini quasi invisibili in movimento che erano i satelliti (in realtà li ho visti assai di rado) e a tentare di riconoscere le costellazioni, che sulla carta stellare erano nitidissime ma che in cielo erano sfuggenti.
A parte quelle più evidenti, cioè Perseo, Andromeda, il Leone, l'Orsa Maggiore e poche altre, riuscire a vedere le costellazioni era difficilissimo... ma il cielo stellato esercitava su di me un'attrazione tale che, in estate, quasi tutte le sere passavo almeno una mezz'oretta col naso all'insù a immaginare - più che vedere - quelle nebulose e quelle galassie viste in fotografia sui libri astronomia.

Tutto ciò che si può vedere nel cielo notturno e diurno, compresi i fenomeni ottico-fisici che si verificano nell'atmosfera, mi affascinava da bambino e seguita ad affascinarmi da adulto; ancora oggi guardo quei fenomeni con lo stesso stupore di allora.
Ho avuto per due volte la fortuna di vedere un arcobaleno circolare e alzando lo sguardo al cielo ho osservato abbastanza di frequente qualche parelio (link), ma gli spettacoli per me più emozionanti sono le aurore boreali, di cui ho già parlato nel post "Il mondo di notte".

Recentemente, navigando sul canale in alta definizione di Vimeo (link), ho trovato due filmati realizzati dal fotografo norvegese Terje Sørgjerd con la tecnica del "time-lapse" (link), filmati che non esito a definire mozzafiato e che piaceranno a chi come me non ha perduto la capacità di meravigliarsi davanti agli spettacoli della natura.
Il primo s'intitola "The Mountain" (link) ed è stato girato a Tenerife (Isole Canarie, Spagna) sul Teide, il vulcano inattivo che è anche il monte più alto della Spagna. Si tratta di un bellissimo filmato realizzato prevalentemente di notte in cui la Via Lattea è davvero spettacolare.
Il secondo filmato s'intitola "The Aurora" (link); girato nel Kirkenes National Park in Norvegia, vicino al confine con la Russia, "The Aurora" mostra una delle più imponenti e stupefacenti aurore boreali che si siano viste negli ultimi anni.
Il paesaggio nordico sarebbe già uno spettacolo anche da solo; con il balletto di colori dell'aurora boreale diventa magico.

Suggerisco di guardare questi filmati a schermo intero perchè la qualità è elevatissima... e le immagini, come dicevo, sono davvero mozzafiato.


The Mountain from TSO Photography on Vimeo.


The Aurora from TSO Photography on Vimeo.

0 commenti:

Posta un commento

I commenti saranno subito visibili, ma mi riservo il diritto di cancellare quelli che giudicherò irrispettosi, offensivi per chicchessia e quelli scritti con un linguaggio sboccato.

Grazie per aver visitato questo blog.
Prylar.